CONSIGLI PER ORGANIZZARE UNA VITA NUOVA

Allenatore F.I.Pe,

Istruttore F.I.Pe 2° livello personal trainer,

Chinesiologo tecnico sportivo U.N.C.,

Tecnico dei sistemi energetici,

Istruttore di powerlifting,

Esperienza agonistica con sovraccarichi dal 1996,

Istruttore a.s.d. NEW BODY SHARK di Verona dal 2004.

Cell.:+39 3402490405

Logo_BODY_SHARK_ copy

commenti
  1. jobbe ha detto:

    Ciao Raffa,

    complimenti per il blog, molto dettagliato anche se per un ignorante come me (e ti assicuro che ce ne sono tanti in giro!!!) non tutto risulta chiaro, dai per scontate cose che noi comuni mortali non comprendiamo! Si vede che ne hai fatta di strada in questi 20 anni e più nel settore.

    Nell’ormai lontano 2006 quando mi allenavo nella tua palestra mi avevi consigliato di seguire il metodo di allenamento B.I.I.O. di Claudio Tozzi. Per una serie di fattori correlati l’un l’altro, Voi che mi spronavate e mi seguivate come nessun altro in qualsiasi altra palestra al mondo in cui sono stato ha mai fatto, un lavoro impiegatizio che mi permetteva di arrivare ad allenarmi carico di energia, un’età e una voglia sicuramente più prestazionali rispetto ad ora e l’uso costante di integratori come creatina e proteine ricordo di aver avuto degli ottimi risultati per un fisico come il mio. Senza dubbio il punto più altro a cui io sia mai arrivato in termini estetici e di sollevamento pesi.

    Come sai ora vivo in Giappone e nella palestra che frequento io, gli istruttori non ti seguono per niente a meno che non li paghi a parte e comunque non mi sembra abbiano queste gran competenze. Anche ammesso che io decidessi di avvalermi di questo servizio, non so il giapponese… loro non sanno l’italiano ne l’inglese …. che lingua parlemo!!!

    Ecco perché mi sono fatto mandare dall’Italia il mio vecchio libro del B.I.I.O.

    La mia domanda è… a distanza di quasi 10 anni dal tuo consiglio, con l’esperienza ulteriore maturata… consiglieresti ancora il metodo Breve Intenso Infrequente Organizzato?

    Onestamente ora che la tecnologia ci da una mano ho dato un’occhiata al sito di Claudio Tozzi, e a giudicare il monaco dall’abito.. non è che a pelle mi faccia una grande impressione:

    http://www.biiosystem.com/il-sistema-biio/

    Tra l’altro essendo un approccio ad alta intensità implicherebbe qualcuno sempre pronto as aiutarti anche in caso di massimali o serie all’80% del proprio massimale, cosa impossibile in Giappone!

    Ecco perché go deciso di chiedere consiglio a te! l’unico personal trainer di cui mi fido!

    Liked by 1 persona

    • raffanimal ha detto:

      Grande Jobbe( el jessica),
      sono felice di sentirTi.Quanti ricordi!.Ora esprimo la mia idea sul B.I.I.O.:troppo breve,troppa ansia da prestazione per l’intensità,troppo infrequente,organizzato come se chi lo pratica sia dotato per grazia divina di una tecnica esecutiva perfetta.Diciamo comunque che, rispetto alla nozioni di palestre stile anni 80 e 90 ,puo’ essere un inizio per redimersi.Il primo consiglio per Te è imparare ad attivare i due muscoli che adducono le scapole (romboide e trapezio basso)e disattivare il piccolo pettorale con lo stretcing.Il secondo consiglio è intendere le percentuali di lavoro delle serie come percentuali del giorno.In pratica non è detto che ogni giorno il Tuo massimale sia uguale può aumentare ma soprattutto diminuire per mille cause.Non attenerTi scupolosamente al carico richiesto dalla percentuale….ascolta il corpo e decidi saggiamente di calare il carico rispettando il numero di riperizioni richiesto.Riassumendo:ripristino postura,ricerca continua della tecnica perfetta,eseguire le ripetizioni e serie richieste a costo di dover scaricare il peso.UN ABBRACCIO.

      Liked by 2 people

  2. jobbe ha detto:

    Ciao Raffa,

    alla fine ho optato ancora per il B.I.I.O. e devo dire che mi trovo benissimo. Ho un’altra domanda. Purtroppo la mia palestra è di nuova concezione e tende a preferire attrezzi guidati nonché personale molto cortese ma per niente qualificato (anche se son tutte belle fighe quindi gli si perdona tutto!). Va da se che me la devo vedere da solo! Il mio quesito è: Ma la multipower è una soluzione valida o meglio evitarla? Premetto che non sono un principiante, grazie ai tuoi perenni rimproveri all’epoca direi che la tecnica di base la padroneggio abbastanza, (è un po’ come la bici no? Una volta che ci sai andare non lo dimentichi più!). Fino ad ora l’ho sempre scansata, preferendole la pressa per le gambe e le spinte coi manubri su panca piana (non abbiamo nemmeno un bilancere libero se non quello curvo per i curl, pensa ti come semo messi!!). Il fatto è che presto devo introdurre un ciclo di forza e a mio avviso sarebbe improponibile fare un rest pause al 90% del mio massimale con i manubri in solitudine, (è più difficile alzarli da terra che fare il resto.). Quindi ti chiedo… posso inserire lo squat, la panca piana e le spinte alte con la multipower nella mia scheda? Per gli stacchi mi arrangio con i bilancieri che dici? Non ho mai visto nessuno fare stacchi alla multipower!!! Ti ringrazio fin da ora per i preziosi consigli!

    Liked by 2 people

    • raffanimal ha detto:

      Grande jobbe,
      mi sembra di capire che non hai alternative…dopotutto la sicurezza al primo posto.In questo caso il multipower e’ l’alternativa piu’ sicura.Ma ricordo a tutti gli utenti del blog che i movimenti base non hanno mai una traiettoria perpendicolare vincolata.Jobbe stimo la tua determinazione.Buon lavoro!

      Liked by 2 people

      • jobbe ha detto:

        Grazie per la risposta! In effetti si… non ho molte alternative! O mollo il B.I.I.O. e torno alle classiche schede 3×10 (che però a livello psicologico su di me sono devastanti e mi fanno disamorare questo sport) o faccio di necessità virtù dando la priorità alla pulizia di esecuzione (che sembra una bestemmia se associata ad un movimento guidato!!). Ho notato che sia negli squat come nelle spinte alte, se i pesi non sono troppo eccessivi si riesce comunque a mettere in moto in una certa maniera i muscoli stabilizzatori, (o almeno mi sembra)! P.S. Per un gobbo come me, meglio lento avanti o lento dietro?

        P.S. dovresti aprire una pagina apposita per le domande o mettere comunque una F.A.Q. visto che il blog comincia a crescere in maniera esponenziale!

        Liked by 1 persona

      • raffanimal ha detto:

        La forza si allena da circa il 60% in su del massimale.Prova ad eseguire solo le serie oltre 80% del massimale al multipower.Cerca di eseguire tutte le ripetizioni alla massima velocita’ possibile.Per quanto riguarda il lento, a parita’ di adduzione delle scapole,prediligi l’esercizio che Ti permette di caricare di piu’.Piano piano il blog si evolvera’migliorando il servizio….sempre a disposizione!

        Liked by 1 persona

  3. Saimon Rocha ha detto:

    Ciao Raffaele… un piacere trovare questo tuo blog..
    Oramai vivo in Brasile da otto anni ma mi ricordo con piacere gli anni passati nella tua palestra, insieme ad altri mona brasiliani….
    Ciao.. tanto saluti

    Saimon

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...